Studenti dell’Ipia alla scoperta dell’Aso siderurgica

Studenti dell’Ipia alla scoperta dell’Aso siderurgica

Un’uscita didattica per far conoscere agli studenti dell’Ipia quello che potrebbe essere il loro futuro lavoro. È proprio questo uno dei motivi che ha spinto il professor Roberto Sandrini a organizzare lo scorso giovedì 15 marzo la trasferta all’azienda Aso siderurgica di Ospitaletto.

La mattinata è cominciata nella sala conferenze dell’azienda, dove il responsabile, l’ingegner Massimo Svanera, ha presentato alle classi 2G, 2M e 2T le varie fasi di cui gli operai della ditta si occupano, partendo dagli infiniti tipi di acciaio che vengono prodotti, all’esportazione del semiavorato ad un’altra impresa per gli ultimi processi di trasformazione.

In un secondo momento alcuni alunni della classe 2G hanno avuto la possibilità di presentare alle altre classi e al dirigente dell’azienda un lavoro riguardante i processi di trasformazione del ferro, progetto multidisciplinare trattato in classe con i professori Girgenti, Sandrini e Zanotti.

Dopodiché i ragazzi si sono muniti dei dispositivi di protezione individuale e, accompagnati da alcuni dipendenti, hanno cominciato a visitare il cuore dell’azienda, dove avviene la produzione. Qui hanno potuto ammirare il forno ad arco elettrico, la colata nella lingottiera, la zona spedizioni, i laboratori chimici e tanto altro. Ottima l’organizzazione e la preparazione delle guide, che ha permesso agli studenti di far capire in modo chiaro come viene svolto ogni singolo processo.

“È stata un’esperienza molto interessante, abbiamo finalmente potuto vedere la parte pratica dei nostri argomenti di studio, cosa sicuramente importante per avere un approccio a quello che in futuro potrebbe essere il nostro lavoro” ha commentato un alunno di 2G.

La giornata è terminata con una foto di gruppo e uno scambio di saluti.

Michele Tebaldini, 2G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.