Mattinata di musica alla Scala di Milano

Mattinata di musica alla Scala di Milano

Giornata indimenticabile alla Scala di Milano per un gruppo di studenti del Gigli. Lunedì 22 gennaio l’istituto ha organizzato un’uscita didattica dedicata alla musica classica a cui hanno partecipato alcuni studenti, compresa me, accompagnati da diversi professori. A questo evento erano inoltre presenti anche studenti ed insegnanti di altre scuole, tanto da riempire i palchetti e la platea del teatro.

L’ingresso è stato emozionante: vedere le maschere vestite eleganti, i capitelli, le platee, le gallerie e il palco… insomma, dettagli da togliere il fiato. Come ho messo piede nel teatro mi sono sentita una persona importante, degna di stare lì.

Fin da piccola ho sempre voluto visitare la Scala perché la mia prozia mi raccontava sempre delle sue serate passate ad ammirare l’opera o a sentire concerti, e io mi sono innamorata sempre di più. Ho colto quest’occasione all’istante, infatti sono stata la seconda a iscriversi per l’uscita.

A mio parere, nonostante fossero solo prove riepilogative, è stata un’esibizione molto seria dato che all’ingresso ci è stato consegnato un foglio sul quale venivano elencati dei punti da seguire come: non abbandonare il posto quando il maestro dirige, applaudire soltanto alla fine di ogni composizione, non è permesso allontanarsi dal posto assegnato e, ovviamente, è vietato tenere acceso il telefono cellulare. Tuttavia la presentazione è stata molto bella. Certo, quando il direttore Riccardo Chailly iniziava a fermare i musicisti più di un paio di volte di fila pensavi “Ma io cosa sono venuta a fare?”, ma, nonostante queste interruzioni, è stata un’esperienza unica nel suo genere, piena di emozioni.

Al pianoforte sedeva Benjamin Grosvenor, un pianista eccellente con delle mani magiche che sembravano danzare sui tasti d’avorio. Questo musicista ha suonato il “Concerto per pianoforte e orchestra in la minore opera 16” con una maestria incredibile. Io, incantata dalla bellezza del pianoforte, ho partecipato all’uscita praticamente e solo per lui, però nel complesso è stato tutto fantastico.

Lorena Alghisi, 1L, Liceo

2 Risposte a “Mattinata di musica alla Scala di Milano”

  1. Ho molto apprezzato il suo articolo sul giornalino del Gigli.
    Sono lieto di poter anticipare che seguiranno altri eventi:
    9 aprile prova di concerto e 29 novembre l’opera Elektra.
    Un cordiale arrivederci al prossimo evento alla Scala.
    prof. Vincenzo Sirsi,
    responsabile del progetto “Musica alla Scala”

    1. Grazie prof! Siamo ben contenti di promuovere e mettere in evidenza questo bellissimo progetto che porta bellezza e musica nel corso dell’anno. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.