Erasmus Plus: gli studenti del Gigli sempre più europei

Erasmus Plus: gli studenti del Gigli sempre più europei

Lo scorso anno scolastico gli studenti e le studentesse delle classi 3E e 3C del liceo delle Scienze Umane hanno aderito al progetto “GIS – Gender Inequality in Schools” promosso da eTwinning, una piattaforma virtuale di incontro e di scambio di buone pratiche tra le scuole che condensa diverse competenze: quella linguistica, quella informatica-digitale , quella comunicativa e sociale. Il tema della discriminazione di genere, che riguarda in modo trasversale tutto il mondo, è stato affrontato dagli alunni delle due seconde del Gigli attraverso la lingua inglese. Quest’ultimi hanno colto la sfida e, pur consapevoli della difficoltà dell’argomento trattato, hanno intrapreso molteplici scambi comunicativi con le scuole coinvolte, site in Grecia, Spagna, Turchia, Bulgaria ed Italia.

Le ragazze e i ragazzi della 3C che partecipano al progetto

L’idea del progetto nasce dall’attività dell’insegnante Saadia Muzaffar, fondatrice del TechGirls Canada, un’organizzazione che si occupa dell’inserimento delle ragazze nel settore tecnologico. Come afferma la docente: “Often, when kids make the exact same project, they will get different responses. A girl might get: “OH, you’re so crafty!” while a boy will hear: “you should be an engineer”. We can openly see that the people form the roles of girls and show them the ways to follow indirectly. In long run, they refuse to take part in any scientific studies. It is widely acknowledged that STEM careers are male dominated.”

La questione è che troppe poche donne possono inserirsi nell’ambito scientifico e tecnologico pur avendone le capacità, questo anche per una questione di retaggio culturale. Bisogna perciò vincere i pregiudizi e impegnarsi per dare alla donna il suo ruolo attivo nello STEM. Le attività del programma, proposte di volta in volta, hanno indirizzato gli studenti e le studentesse verso la creazione di loghi e cartelloni che sono stati poi pubblicati sul sito, appesi nei corridoi e nelle aule dell’Istituto come introduzione e sintesi del tema stesso. Tutti poi hanno dovuto ricercare le notizie e analizzare le indagini già presenti in Rete per comprendere con maggiore precisione la veridicità di questo paradigma.

Dall’analisi è emerso che in determinate nazioni la donna è davvero discriminata, l’istruzione scientifica è riservata solo agli uomini e che c’è molto da fare ancora per superare queste barriere. I partecipanti hanno, inoltre, registrato filmati sulla celebrazione della giornata della donna, sulla produzione di musica rap legata al tema “Donna-Education” e promosso incontri via Skype con altri giovani membri della comunità virtuale di eTwinning.

A distanza di quasi un anno dall’inizio del progetto l’IIS Lorenzo Gigli ha ricevuto la notizia d’aver vinto la borsa di studio KA229- School Exchange Partnerships- Erasmus+ per questo progetto, che prevede lo scambio di buone pratiche tra le diverse scuole e la mobilità per docenti e alunni. Nel mese di dicembre 2019 si svolgerà la prima mobilità in Spagna, alla quale seguiranno altre esperienze in Bulgaria, Grecia e Turchia. Questo momento consentirà agli studenti di interfacciarsi direttamente con una nuova cultura, migliorare le proprie competenze in ambito linguistico, perfezionare le abilità relazionali e partecipare ad un dialogo positivo non solo con i membri del gruppo ma anche con le autorità locali. Sarà davvero una bella sfida e soprattutto un’esperienza indimenticabile di cittadinanza globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.