Dante è più vivo che mai!

Dante è più vivo che mai!

Ci stiamo rapidamente avvicinando alla Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, il Dantedì, istituito lo scorso anno dal Consiglio dei Ministri in occasione del settecentesimo anniversario della sua morte (1321 – 2021), ma il Sommo Poeta mostra di essere più vivo che mai.

Il Dipartimento di Lettere del nostro Istituto ha già celebrato l’evento, organizzando una conferenza del noto accademico e filologo italiano prof. Corrado Bologna, docente di Letterature romanze medioevali e moderne alla Scuola Normale Superiore di Pisa (qui il nostro precedente articolo), ma proprio il 25 marzo replicheremo, in collegamento online con il Liceo “Leonardo da Vinci” di Civitanova Marche.

Tra gli eventi organizzati per l’ambito scolastico merita di essere ricordata anche l’iniziativa dell’editore Zanichelli, che ha messo a disposizione una lezione in streaming dell’amabilissimo Riccardo Bruscagli, professore emerito di Letteratura Italiana dell’Università di Firenze, sulla parabola politica di Dante Alighieri, fiorentino, esule, cittadino del mondo.

La data scelta, il 25 marzo, vuole ricordare l’inizio del viaggio ultramondano narrato nella Commedia, anche se, a dire il vero, quando i più vecchi tra noi sono stati a scuola, l’ipotesi più accreditata era quella dell’8 aprile del 1300, venerdì santo. Quella del 25 marzo, in cui tradizionalmente si facevano coincidere la creazione di Adamo e la concezione e la morte di Cristo, era soltanto “altra” ipotesi. Ma come si dice, non si finisce mai di imparare! Del resto tra le pubblicazioni più attese di quest’anno è stata sicuramente la biografia dell’Alighieri di Alessandro Barbero, storico e apprezzatissimo divulgatore, che ha fatto piazza pulita del mito della piccola nobiltà di Dante, con buona pace dei docenti di lettere che, oltre a dover insegnare un bel po’ dello scibile umano – storia, geografia, italiano, latino e finanche educazione civica – ogni tanto vedono anche messe in discussione le loro poco granitiche certezze!

La data verrà adeguatamente celebrata, c’è davvero una sorta di euforia attorno a questo anniversario: è stata restaurata la tomba a Ravenna, con una cerimonia di inaugurazione cui ha presenziato anche il capo dello Stato Sergio Mattarella, è in corso il restauro del cenotafio, la tomba vuota, a Santa Croce a Firenze, e probabilmente ogni università del mondo con un dipartimento di italianistica ha organizzato almeno una conferenza. Nella galleria sottostante sono raccolte soltanto alcune delle locandine che testimoniano la diffusione dell’interesse per Dante su scala planetaria:

Qui invece alcuni tra i più significativi appuntamenti a venire, in lingua italiana.

Brevi narrazioni dei sette giorni del viaggio dantesco fatte dai membri del gruppo di ricerca di Illuminated Dante project e illustrate con le immagini dei più famosi codici miniati della Commedia. I video saranno visibili il 25 marzo su https://t.co/l2cwFeZSfG e https://t.co/FOfGUDWQQ2. https://t.co/YmX68PLiyA
5 conversazioni con esperti di nuovi media e artisti contemporanei che hanno recentemente prodotto opere ispirate alla Commedia. I video saranno visibili il 25 marzo sul https://t.co/l2cwFeZSfG e su https://t.co/FOfGUDWQQ2. https://t.co/SOQb7fS1G2

Vicino a noi, l’unica facoltà di Lettere nella nostra provincia, l’Università Cattolica, ha organizzato un seminario permanente, per fare luce sul rapporto con Dante dei più grandi intellettuali italiani.

Particolarmente interessanti sono poi le videolezioni dantesche dell’Associazione degli Italianisti, comodamente fruibili dal loro canale YouTube. Numerosissime iniziative testimoniano dunque il grande interesse del pubblico per l’autore e l’opera che vengono unanimemente riconosciuti come elemento fondante della lingua e della civiltà italiane, un interesse che era già stato testimoniato da altre iniziative in anni precedenti, come per esempio le letture dantesche di Roberto Benigni; proprio l’attore e regista premio Oscar leggerà un canto della Divina Commedia al Quirinale, alla presenza del presidente della Repubblica. La diretta sarà alle 19.15 su Rai1 e si scoprirà il 25 marzo quale sarà il canto scelto.

In casa RAI, il portale RaiCultura offre una ricchissima offerta di tesori, mentre, tra le letture dantesche, citiamo anche quella, integrale, di Lucilla Giagnoni: ogni sera, sino al 25 marzo, alle 23.00 circa su Rai5 e @RaiPlay, “Divina Commedia. Vespri Danteschi”, tre canti al giorno, per circa 30 minuti https://t.co/bjbhbR4ten

Come forse si è già intuito, in questo articolo intendiamo dare conto di alcune tra le più significative iniziative intraprese per questo importante anniversario. Spesso l’offerta risponde anche a ragioni di carattere economico, di guadagno (per esempio il Corriere della Sera presenta una collana che raccoglie le sue opere e i saggi dei maggiori studiosi dedicati all’Alighieri https://t.co/eoMATEEjSZ ), ma ciò è soltanto una ulteriore riprova dell’entità della domanda di Dante da parte del pubblico, una domanda che rassicura sull’importanza del suo studio a scuola.

Tra le novità più interessanti, la realizzazione di un gioco da tavolo per famiglie basato sulla prima cantica: Dante Alighieri: Comedia – Inferno. Sviluppato da un team in gran parte ravennate, è certo un’occasione per riscoprire l’opera; sarà disponibile ad aprile 2021. Affascinante anche l’edizione pop-up dell’Inferno, ideata e sviluppata da Massimo Missiroli, paper engineer apprezzato a livello internazionale, che ha selezionato alcune delle più celebri incisioni di Gustav Doré sviluppandole nella terza dimensione.

Numerosissime sono poi le pubblicazioni che vedono protagonista Dante e si rivolgono a diversi tipi di pubblico, dai giovanissimi agli esperti. Adatto ai bambini, e non solo, merita sicuramente una menzione il volume PaperDante di Macchetto, Perissinotto e Cagol, che contiene la prima storia Disney ispirata a Dante (un giovane papero cade in una grotta oscura e viene salvato da Beatrice). Un adolescente di oggi, un bullo fortissimo ai videogiochi, deve invece affrontare un avversario che si fa chiamare Dante e indossa il classico copricapo in Vai all’inferno, Dante! di Luigi Garlando, giornalista de La Gazzetta dello Sport e fortunato autore per ragazzi.

Trovate qui altri titoli per lettori junior

A chi volesse rinverdire i suoi ricordi scolastici, consigliamo invece Il viaggio di Dante, di Emilio Pasquini, tra i maggiori studiosi di Dante e professore emerito dell’Alma Mater di Bologna, recentemente scomparso; si tratta di un testo comprensibile da tutti, che racconta il viaggio nell’oltretomba in modo semplificato, accompagnato dalle miniature di un manoscritto didascalico compilato dopo la morte di Dante e preciso nella descrizione degli episodi e dei canti. Simile, ma privo di apparato iconografico è invece Il racconto della Commedia. Guida al poema di Dante di Marco Santagata.

Tra le iniziative che reputo più interessanti, c’è una nuova edizione dell’opera, un’edizione… manoscritta! Un artista e fumettista statunitense, George D. Cochrane, ha voluto creare un manoscritto miniato, ricopiando il testo con un carattere elaborato appositamente e costellandolo di illustrazioni: una versione della Divina Commedia che nelle sue intenzioni la renderà accessibile alle giovani generazioni. Il suo lavoro sarà pubblicato da facsimilefinder, un editore specializzato in facsimile dei più bei manoscritti prodotti dal Medioevo; al momento è aperta una campagna di finanziamento collettivo sulla celebre piattaforma “Kickstarter”.

Una pagina manoscritta e illustrata da G. D. Cochrane

L’impresa è affascinante, non soltanto perché frutto di anni di lavoro – ce ne sono voluti sette, per arrivare alla conclusione – ma anche perché, in fin dei conti, può apparire assolutamente superflua (e questi mesi ci stanno insegnando che è proprio del superfluo che sentiamo la mancanza…).

Dante: 1, 100, 1000 volti è la proposta della Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle”: contenuti conosciuti ed inediti, tavole di fumetti realizzati da tantissimi autori, famosi e meno, per narrare Dante Alighieri attraverso l’arte del fumetto. Disegni e animazioni caratterizzano anche il riassunto dell’intero poema pubblicato sul suo canale YouTube da Marco Mellace, noto come Flippedprof.

Concludo con questo magnifico dipinto, “Dante e le stelle”, realizzato dalla diciassettenne toscana Federica Mauro e scelto dalla Dante Society London come manifesto per l’International Open Call Dante 700th. Cliccate qui per conoscere la sua storia, non ve ne pentirete.

Dante e le stelle, Federica Mauro 2020

L’opera di Dante è dunque ancora estremamente attuale e vitale, si rivolge e parla a tutti, dai bambini agli adulti, influenza intellettuali e artisti di ogni tipo. Continua a essere vero, a settecento anni dalla morte del Poeta, ciò che della sua opera diceva Boccaccio: “questo libro è un fiume piano e profondo nel quale l’agnello puote andare, e il leofante notare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.